Agrigento attende il nome del commissario

Dopo le dimissioni del sindaco, la Regione potrebbe provvedere a giorni a nominare un funzionario
Agrigento, Archivio

AGRIGENTO. Pochi giorni ancora e la Regione nominerà il commissario ad acta che guiderà il Comune di Agrigento dopo le dimissioni del sindaco Marco Zambuto. Una decisione potrebbe essere presa in settimana. Già venerdì scorso da Palazzo dei Giganti è stata inoltrata copia della lettera di dimissioni: destinatario il Dipartimento degli Enti locali. «Non ne ho ancora preso visione - dice l’assessore regionale Patrizia Valenti -, la legge m’impone di scegliere tra dirigenti in pensione o anche in servizio».
L’attesa ad Agrigento cresce. Il dibattito è aperto anche su Facebook, dove c’è chi propone Nicola Scialabba, il funzionario regionale passato alla storia per essere riuscito a dare acqua tutti i giorni e per questo ancora «amato» dagli agrigentini. C’è anche chi ha avviato una petizione per fare diventare sindaco di Agrigento Lillo Firetto, attuale sindaco della vicina Porto Empedocle. Taglia corto il deputato del Pd, Giovanni Panepinto: «L’assessore decida per il bene di Agrigento, non scelga ascoltando le sirene della politica».



SUL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA LA VERSIONE INTEGRALE DELL’ARTICOLO

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X