STATO DI AGITAZIONE

Canicattì, gestione dei rifiuti: il Comune paga 300 mila euro alle ditte

di
rifiuti canicattì, Agrigento, Economia
Foto archivio

Resta lo stato di agitazione, con l’effettuazione dei servizi di raccolta a rischio, proclamato dal personale del «cantiere Canicattì» che così intende protestare contro il mancato pagamento degli stipendi da ottobre ad oggi.

La situazione è esplosa dopo che due settimane fa l’incontro con i rappresentanti delle ditte Iseda-Ecoin-Sea che gestiscono il servizio era saltato ed era trapelata la notizia che non avrebbero anticipato i soldi degli stipendi mancando il pagamento delle fatture maturate da parte del comune di Canicattì.

Otto giorni fa la situazione sembrava essere notevolmente migliorata ma contrariamente alle dichiarazioni dell’assessore comunale all’Igiene ambientale Roberto Vella ancora ieri non avevano ricevuto l’accredito dello stipendio tanto che ieri mattina sono tornati a riunirsi per due ore in assemblea.

L'articolo nell'edizione di Agrigento del Giornale di Sicilia

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X