MIGRANTI

Decreto sicurezza, l’arcidiocesi di Agrigento si schiera: "Aprite i nostri porti"

"Chiediamo al governo italiano di aprire i porti e di permettere alla società civile di poter accogliere senza alcuna resistenza quanti richiedono il nostro aiuto". È un appello accorato, dalle diverse sfaccettature, quello che è stato lanciato il giorno dell’Epifania dalla comunità ecclesiale di Lampedusa con don Carmelo La Magra, sacerdote della parrocchia di San Gerlando, in testa.

"Invitiamo tutti i fedeli cattolici e cristiani di ogni confessione ad unirsi a noi in questa richiesta. Preghiamo le comunità ecclesiali di non trincerarsi dietro paure e resistenza ma di mettere in pratica il Vangelo con coraggio e gratuità. Desideriamo essere presepe vivente, povero e umile, ma aperto e accogliente per ogni 'Cristo' che ci sarà dato di incontrare".

Don Carmelo La Magra si riallaccia, di fatto, alle parole pronunciate, in questi giorni di festa, dal cardinale di Agrigento: Francesco Montenegro, anche da Lampedusa torna a riecheggiare l’appello all’accoglienza.

L'articolo integrale nell'edizione di Agrigento del Giornale di Sicilia.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X