DOPO 6 MESI

Tentato omicidio a Palma di Montechiaro, Francesco Gueli finisce ai domiciliari

tentato omicidio palma di montechiaro, Francesco Gueli, Agrigento, Cronaca
Francesco Gueli e Giuseppe Incardona

Arresti domiciliari fuori dalla provincia di Agrigento per Giuseppe Incardona, 52 anni, accusato di tentato omicidio ai danni del quarantaduenne Francesco Gueli, a sua volta indagato per avere sparato al cugino Leandro Onolfo, 25 anni, ferito gravemente, sembrerebbe, dopo un tentativo di disarmarlo.

I due finiti in carcere dopo la notte da far west a Palma di Montechiaro, lo scorso 13 giugno, a distanza di sei mesi sono ai domiciliari.

L'ultimo in ordine di tempo a uscire dal carcere, nelle scorse ore, è stato Incardona: il gip Stefano Zammuto ha accolto la richiesta dei difensori, gli avvocati Antonino Gaziano e Giuseppe Vinciguerra, e ha attenuato la misura cautelare applicandogli i domiciliari lontano dalla provincia di Agrigento.

La doppia sparatoria sarebbe nata per un banale litigio al bar fra Gueli e Incardona.

La notizia completa nel Giornale di Sicilia in edicola

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X