TRIBUNALE

Danneggiamenti nel carcere Petrusa di Agrigento, decise due condanne

di

«Se entro questa sera non ci trasferite in isolameno, facciamo un macello». Intimidazioni accompagnate dal danneggiamento di alcuni arredi della cella e rese più convincenti dalla minaccia di versarsi dell’olio bollente addosso e compiere altri gravi gesti di autolesionismo.

Una vera e propria rivolta, nelle celle del carcere Petrusa di Agrigento, che però il giudice ha ritenuto meno grave rispetto all’impostazione accusatoria tanto da condannare i due imputati – due detenuti serbi – solo per l’accusa di danneggiamento ma non per quella di violenza a pubblico ufficiale.

La sentenza è stata emessa dal giudice monocratico del tribunale di Agrigento, Vincenzo Ricotta. Sei mesi di reclusione sono stati inflitti a Sasa Jovanovic, 33 anni, serbo e Jonathan Sergi, slavo solo di origini ma italiano anche di nascita. L’episodio al centro della vicenda giudiziaria è avvenuto l’11 ottobre dell’anno scorso.

L’articolo completo nell’edizione di Agrigento del Giornale di Sicilia.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X