TRIBUNALE DI PALERMO

Rigettata la richiesta di scarcerazione per Giuseppe Burgio accusato di bancarotta ad Agrigento

I giudici del tribunale del riesame di Palermo rigettano la richiesta di scarcerazione per l'imprenditore Giuseppe Burgio, 54 anni, finito in carcere il 27 ottobre del 2016 e poi, dallo scorso primo marzo, ai domiciliari.

Viene così confermata la detenzione a casa; i giudici, dopo che la Cassazione per la seconda volta avevano ordinato di esaminare meglio alcuni aspetti, hanno respinto la richiesta del difensore Carmelita Danile e confermato la misura cautelare nei confronti dell’ex “re dei supermercati” come era stato soprannominato prima dell’arresto per il crack e della condanna a 8 anni di reclusione.

L’avvocato aveva più volte insistito per la revoca della misura detentiva facendo presente che non ci poteva essere più "alcuna esigenza cautelare visto che il procedimento è già arrivato alla fase di appello e l'imputato non ha da anni alcuna disponibilità dei beni aziendali".

La notizia completa nel Giornale di Sicilia in edicola

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X