OPERATORI ESASPERATI

Lampedusa, da mesi senza soldi: sciopero generale dei netturbini

Alcuni sono fermi a maggio. Altri, a giugno. I 23 operatori ecologici di Lampedusa, ormai abituati – loro malgrado – a stare con l’acqua alla gola, adesso non ce la fanno più. La loro situazione finanziaria – visto i ritardi nell’incassare gli stipendi - è diventata drammatica. Nella serata di martedì, dopo il terzo giorno consecutivo di astensione dal lavoro, i netturbini e la Usb hanno proclamato lo sciopero generale.

Domani, alle 10, in piazza Libertà ci sarà anche una assemblea pubblica. «Uniti senza paura» - scrivono gli operatori ecologici invitando tutta la comunità isolana a partecipare - . A Lampedusa, dove i cumuli di rifiuti si sono trasformati ormai in montagne, si rischia, intanto, veramente, un'emergenza igienico-sanitaria.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X