RACCOLTA

Ad Agrigento i netturbini in stato d’agitazione: emergenza rifiuti in città

L’ultima volta era accaduto a fine dello scorso luglio. Adesso - da un paio di giorni -, su Agrigento, sono tornati a soffiare i venti di protesta.

Gli operatori ecologici sono in stato d’agitazione. I rifiuti vengono raccolti a singhiozzo: varie zone della città rimangono con i cestelli pieni. E le prospettive non sembrano affatto essere delle migliori: se i netturbini non incasseranno, in settimana, gli stipendi sarà sciopero.

«I lavoratori dipendenti dell’Iseda e della Sea non percepiscono con regolarità le spettanze mensili, devono ricevere il 50 per cento della mensilità di settembre ed è in scadenza il termine per lo stipendio di ottobre – hanno scritto Iacono, Nero e Stella delle segreterie provinciali di Cgil, Fit-Cisl e Uil - . Hanno chiesto l’attivazione della procedura di raffreddamento – hanno proseguito le sigle sindacali - . La situazione è gravissima in quanto i lavoratori non riescono a garantire le esigenze primarie delle loro famiglie».

L’articolo completo nell’edizione di Agrigento del Giornale di Sicilia

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X