PROCURA

Annunciò di voler bloccare le demolizioni, unificati i due processi nei confronti del sindaco di Palma

di

Microspie nella stanza del sindaco e telefono sotto controllo. Dopo le esternazioni di Stefano Castellino, che la sera dell’elezione annunciò di volere bloccare le demolizioni e «stracciare» il protocollo firmato dal suo predecessore Pasquale Amato, la Procura di Agrigento mise sotto intercettazione il neo primo cittadino di Palma.

I retroscena emergono dagli atti del procedimento «gemello» a suo carico che ieri è stato unificato a quello principale dal giudice dell’udienza preliminare Francesco Provenzano.

Castellino è accusato di avere bloccato le demolizioni per averne, in cambio, un consenso elettorale.

L’articolo completo nell’edizione di Agrigento del Giornale di Sicilia

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X