NELLA NOTTE

Barcone in avaria a largo di Lampedusa, salvati 70 migranti

nacve Mare Jonio, sbarco lampedusa, Pietro Bartolo, Agrigento, Cronaca
Foto d'archivio

Sono arrivati alle tre di notte a Lampedusa i 70 migranti, di origine eritrea, siriana e ghanese, avvistati ieri sera a circa 18 miglia dalla costa dell'isola dalla nave Mare Jonio del progetto Mediterranea.

A salvarli, con un 'evento sar', sono stati gli uomini della capitaneria di porto di Lampedusa che li hanno intercettati, mentre erano su un gommone in avaria, a meno di cinque miglia dall'isola.

Nella notte infatti la nave Mare Jonio, al suo ultimo giorno di missione nelle acque libiche, ha ricevuto un messaggio di emergenza - pubblicato poi su Twitter - da parte delle autorità di La Valletta che hanno segnalato il barcone in avaria in acque maltesi, non distante da Lampedusa.

"Ricevuta comunicazione da Malta su gommone in difficoltà - si legge nella pagina Twitter di Mediterranea Saving Humans - Malta dichiara di non avere assets e ci chiede di recarci sul posto. Il gommone a circa 13NM da #MareJonio e a 26NM da Lampedusa. Stiamo andando ma chiediamo intervento Italia prima che sia troppo tardi".

Inizialmente la Guardia costiera italiana aveva dato indicazione di fare riferimento per le operazioni di soccorso a La Valletta, "essendo Malta - si legge in una nota - l'autorità coordinatrice e responsabile delle operazioni di ricerca e soccorso in quell'area". Ma le autorità maltesi hanno detto di non avere navi disponibili.

I migranti, per la maggior parte minori e donne, sono arrivati in buone condizioni fisiche. Subito visitati sul molo dal dottore Pietro Bartolo (il medico dei migranti), sono poi stati accompagnati all'interno del centro di accoglienza hot spot dell'isola.

A bordo c'erano due bambini, arrivati in buone condizioni con le rispettive madri, entrambe in giovane età. La traversata, secondo le prime informazioni, è durata oltre 35 ore. L'imbarcazione utilizzata dai migranti era lunga circa otto metri, aveva il fondo quasi piatto e una bassa linea di galleggiamento; di costruzione egiziana, era un tipo di barca inadatta ad effettuare il percorso che va dalla Libia alle coste siciliane e troppo piccola per 70 persone. Solo grazie alle buone condizioni del mare delle ultime 48 ore, non si è verificata l'ennesima tragedia.

 

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X