UN'ASSOLUZIONE

Operaio morì in un cantiere a Campobello, imprenditore condannato

Una condanna e un’assoluzione per la morte di un operaio addetto all’imballaggio del magazzino che, secondo quanto ha accertato il processo, sarebbe stato utilizzato per collocare una trave sul cornicione.

Antonio Lo Coco, 40 anni, di Campobello di Licata, sposato con figli, precipitò e morì sul colpo per i gravi traumi riportati in varie parti del corpo.

Il giudice monocratico Rosanna Croce ha inflitto sette mesi di reclusione a Ignazio Gioachino Antonio Imbruglia, 52 anni. Assoluzione per non avere commesso il fatto per il fratello Tommaso Alberto di quattro anni più giovane.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X