IL CASO

"Atteggiamenti mafiosi ad Agrigento", polemiche su una guida turistica della Feltrinelli

E’ polemica dopo che secondo la guida turistica dedicata alla Sicilia, edita da Feltrinelli, ad Agrigento ci sarebbero "radicati atteggiamenti di tipo mafioso". Secondo l’autrice Ros Belford, nel suo articolo per la collana "Easy Rough Guide", la città dei templi "ha uno scarso senso d’identità" e "una maggiore tendenza tra i ristoratori, rispetto al resto della Sicilia, a perpetrare piccole truffe".

Affermazioni che hanno scatenato la pronta reazione del sindaco di Agrigento, Lillo Firetto. "Chiederò alla prestigiosa casa editrice Feltrinelli - dichiara il primo cittadino - di proporre a Ros Belford una riscrittura della guida sulla Sicilia più rispettosa della genuina e generosa gente di Agrigento e di Sicilia, che non merita di certo di esser qualificata in questo modo. Soprattutto non lo meritano i tanti lavoratori che onestamente e tra tante difficoltà si guadagnano da vivere. Tutti possono impegnarsi a fare meglio e di più per rendere più bella e accogliente Agrigento, ma la città non corrisponde per niente a come viene descritta. Da noi - aggiunge Firetto - l’ospitalità è sacra da 2600 anni, dai tempi del munifico Gellia, e non sarà una singola esperienza a compromettere la reputazione degli agrigentini. Siamo pronti ad ospitare Belford per dimostrargli quanto si sbaglia".

E rincara la dose Gabriella Cucchiara, presidente Fipe Confcommercio: "Il fatto che la città di Agrigento venga indicata come una delle città più povere d’Italia non autorizza nessuno a scrivere che qui da noi gli atteggiamenti mafiosi sono ben radicati e soprattutto a far passare il messaggio a dir poco fuorviante che i ristoratori agrigentini tendono a truffare i turisti. Gli operatori del settore sono rimasti indignati dalle accuse a loro rivolte".

"E' grave - aggiunge Gabriella Cucchiara - etichettare in malo modo un’intera classe di ristoratori la cui stragrande maggioranza, facendo di tutto per soddisfare turisti e visitatori, eccelle nel proprio lavoro raccogliendo migliaia di feedback positivi. Le accuse di truffa risultano quindi ingannevoli e, oltre a recare danno per l’immagine di tutta la città, offrono al lettore un servizio pessimo. Semmai, la guida dovrebbe indicare, citando anche la fonte, quali e quando i ristoranti hanno ingannato i turisti". Certi di una grave svista, Gabriella Cucchiara, in rappresentanza di tutti i ristoratori agrigentini, chiede ai responsabili della guida in questione una formale smentita e le dovute scuse alla città intera. Il riferimento è a quanto emerso dal comunicato a firma di Francesco Picarella, dove si parla di una guida turistica che "sparla" della città di Agrigento", conclude.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X