VERTENZA

Salta il pagamento degli stipendi, netturbini in sciopero a Lampedusa

Lo stato d’agitazione era stato già proclamato all’inizio del mese. I 16 netturbini in servizio sulla più grande delle isole Pelagie – reclamando gli stipendi di giugno, luglio ed agosto, oltre che parte della quattordicesima mensilità, – in tutti questi giorni hanno sperato nel miracolo: ossia che venisse pagato qualcosa per evitare lo sciopero già previsto per la giornata di domani.

Un «miracolo» che sembrava possibile, considerato che Totò Martello, il primo cittadino di Lampedusa, ha versato un anticipo degli stipendi alle ditte. Adesso, però, sembra che le ditte del raggruppamento, delle quali sono dipendenti gli operatori ecologici, non abbiano intenzione di pagare le due mensilità arretrate e, al tempo stesso, sperate dai lavoratori.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X