LA SENTENZA

"Falso e truffa aggravata", assolto il sindaco di Ravanusa

truffa sindaco ravanusa, Carmelo D'Angelo, Agrigento, Cronaca
Carmelo D'Angelo, sindaco di Ravanusa

Il gup Alfonso Malato ha assolto "perché il fatto non sussiste" il sindaco di Ravanusa, Carmelo D’Angelo, accusato di falso e truffa aggravata ai danni dell’ex Provincia di Agrigento. La vicenda si riferisce al periodo compreso fra il 2011 e il 2013, quando D’Angelo era consigliere provinciale.

Secondo l'accusa, rappresentata in udienza dal pm Emiliana Busto che aveva chiesto la condanna a un anno e otto mesi, D’Angelo avrebbe simulato la sua assunzione fittizia alle dipendenze dell’azienda D&D Service che si occupa di realizzare impianti fotovoltaici.

Questo al fine di ottenere i rimborsi che la legge garantisce ai componenti di alcuni organismi elettivi, fra cui i consigli provinciali, che si devono assentare dal lavoro per adempiere al proprio mandato istituzionale. Per questo, secondo l’ipotesi accusatoria che non ha retto al vaglio del processo, D’Angelo avrebbe simulato l’assunzione per ottenere che fosse la Provincia regionale a pagargli lo stipendio senza andare al lavoro.

Un’altra contestazione mossa a D’Angelo riguardava il trasferimento della residenza a Palermo, ritenuto dalla Procura fittizio, nel periodo compreso fra il settembre del 2010 il luglio del 2013. In questo modo D’Angelo avrebbe incassato indebitamente circa 27 mila euro di rimborsi chilometrici.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X