L'EMERGENZA

Giro di vite contro il randagismo a Sciacca

di

“Prendere i cani e portarli nei canili è la strada meno giusta da percorrere. Intanto bisogna sterilizzarli, nella totalità, perché gli attuali 200 cani a Sciacca tra un anno diventeranno 700 e non si potranno più gestire”. Lo ha detto ieri sera Antonino Salina, funzionario dell’assessorato regionale alla Salute, mandato in città dall’assessore Ruggero Razza. A Sciacca 5 mesi fa sono stati avvelenati 27 cani in contrada Muciare ed è in corso un’indagine per individuare gli autori.

In città ci sono poco meno di 200 cani nelle strutture convenzionate e altrettanti che vagano per il territorio e che rischiano di aumentare non essendo sterilizzati. Il sindaco, Francesca Valenti, e l’assessore all’Ambiente, Paolo Mandracchia, hanno rimarcato, presenti le associazioni animaliste, i parlamentari Margherita la Rocca Ruvolo, presidente della commissione Sanità dell’Ars, Michele Catanzaro, che ha organizzato l’incontro, e Matteo Mangiacavallo, che non si fanno passi in avanti nonostante la spesa, di 300 mila euro all’anno, sostenuta dall’ente.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X