CALCIO

Akragas, ultima chiamata per salvare la società dal baratro

di

Ultima chiamata prima di ammainare la bandiera e dire addio all’Akragas calcio. L’avvocato, nonché socio del club e mediatore della trattativa con gli iraniani, Enzo Caponnetto, ha contattato l’uomo di affari che ha avviato i dialoghi fra l’attuale proprietà e l’imprenditore Karimouee per verificare se ci sono ancora i presupposti per chiudere una trattativa che in tanti, un po’ troppo frettolosamente, avevano data per virtualmente chiusa.

Un mese e mezzo fa la società, pur informalmente visto che non ha mai rilasciato alcuna dichiarazione formale sulla vicenda, ha annunciato la fumata bianca dopo un incontro a Teheran fra Karimouee, amministratore delegato di una multinazionale iraniana o almeno queste sono le referenze che ha il club agrigentino, e le autorità diplomatiche iraniane che gli avrebbero dovuto rilasciare il visto. La formalità burocratica si è allungata decisamente troppo fino a quando, dopo settimane di attesa, in cui il mediatore di origini iraniane ma che da tempo vive e lavora ad Agrigento avrebbe dovuto solo comunicare la data dell’arrivo in città di Karimouee, è arrivata una frenata brusca e, con ogni probabilità, decisiva.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X