CORTE D'APPELLO

Mafia di Campobello, 12 anni a Middioni: "Affiliato alla famiglia ma non era boss"

di
mafia campobello, Angelo Middioni, Agrigento, Cronaca
Angelo Middioni il giorno dell'arresto

Angelo Middioni era un affiliato della famiglia mafiosa di Campobello ma non aveva ruoli direttivi. I giudici della Corte di appello di Palermo ribaltano la sentenza di assoluzione e condannano a 12 anni di reclusione il quarantaduenne cugino del boss Giuseppe Falsone, accusato dai pentiti Maurizio Di Gati e Giuseppe Sardino di avere gestito, su incarico del parente che per anni è stato a capo delle cosche della provincia, il clan del paese. La pena inflitta è leggermente inferiore a quella proposta al termine della requisitoria dal sostituto procuratore generale di Palermo, Giuseppe Fici, che aveva proposto la condanna a 15 anni di reclusione.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X