IL CASO

Ribera, la protesta degli assegnatari delle case popolari: dal 2012 attendono una sistemazione

di

Sono arrivati con un pullman, ieri, ad Agrigento, nella sede dell’Iacp, gli assegnatari delle case popolari di Largo dei Martiri di via Fani, a Ribera, che hanno lasciato le loro abitazioni del 2012, a seguito dello sgombero delle case, realizzate con cemento depotenziato, e che sollecitano l’inizio dei lavori di demolizione e ricostruzione.

Manca la stipula del contratto tra l’Istituto Autonomo Case Popolari e la ditta vincitrice della gara d’appalto, ma per arrivare a quest’ultimo passaggio ci vuole un certificato, della Prefettura di Caltanissetta, riguardante l’impresa, una tra quelle che compongono il raggruppamento che realizzerà i lavori. E allora l’attesa continua anche se, questa volta, pare proprio imminente la firma e, infatti, la delegazione riberese, della quale facevano parte anche il sindaco, Carmelo Pace, assessori e consiglieri comunali, tornerà ad Agrigento venerdì 15 giugno.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X