IL PROCESSO

Minaccia il giudice in tribunale: va a giudizio un uomo di Palma di Montechiaro

di

«Lo vado a trovare a casa perché mi ha rovinato, ha negato il risarcimento a mio figlio perché si era messo d’accordo con i medici dell’ospedale». L’irruzione in un’aula di tribunale un uomo di 65 anni di Palma di Montechiaro, gli costerà un processo per minaccia grave al giudice Alfonso Pinto, in servizio alla sezione civile del tribunale di Agrigento.

Il pubblico ministero Maria Carolina De Pasquale, della Procura di Caltanissetta, competente per i reati di cui sono vittime i magistrati di Agrigento, ha disposto nei suoi confronti la citazione diretta a giudizio per l’imputazione di minacce gravi, per la quale si può anche procedere di ufficio.

Castellino, attraverso il suo difensore, l’avvocato Fabio Inglima Modica, potrà scegliere di essere giudicato con il rito abbreviato. In questo caso non ci sarà un vero e proprio dibattimento ma si deciderà allo stato degli atti e l’eventuale condanna sarà ridotta di un terzo.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X