PROCURA

Uomo di Licata morto per un calcolo renale, indagati i medici di tre ospedali

di

La Procura della Repubblica di Agrigento ha iscritto nel registro degli indagati, con l’accusa di omicidio colposo, dieci tra medici ed infermieri degli ospedali di Licata, Gela ed Agrigento, che hanno avuto in cura il 52enne di Licata, Angelo Mugnos, morto per un banale calcolo renale. I magistrati, che al momento non hanno reso noti i nomi degli indagati, hanno anche disposto l’autopsia sul cadavere dell’operaio licatese deceduto mercoledì della scorsa settimana. L’inchiesta era stata aperta, immediatamente dalla Procura della Repubblica di Agrigento, per far luce sulle cause che hanno determinato il decesso dell’operaio, trasferito d’urgenza al nosocomio di contrada Consolida ad Agrigento, dopo essere rimasto – secondo l’accusa – per più di 10 ore in astanteria al Pronto soccorso dell’ospedale di Licata.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X