LA PROTESTA

"Pasti scadenti e pochi soldi", immigrati in rivolta a Favara

Rivolta immigrati favara, Agrigento, Cronaca
Foto archivio

I pasti non erano di loro gradimento. E il pocket money è stato ritenuto insufficiente per fare fronte alle esigenze primarie della singola persona. È per questi motivi che è scoppiata, nel pomeriggio di mercoledì, una nuova rivolta di stranieri minorenni non accompagnati. Gli immigrati che, di fatto, giungono senza un familiare e che vengono affidati alle comunità dislocate in tutto l’Agrigentino.

Questa volta, a protestare – e a gran voce – sono stati gli ospiti della comunità «Il filo di Arianna» di Favara. Per due ore – stando a quanto è stato ufficialmente ricostruito ieri dal comando provinciale dell’Arma di Agrigento – i migranti, tutti giovanissimi appunto, hanno alzato la voce e all’interno della struttura s’è anche temuto, ad un certo punto, che quella protesta potesse anche degenerare.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X