SAN GIOVANNI DI DIO

Neonato morto per un guasto alla culla ad Agrigento, chieste tre condanne

di

AGRIGENTO. «Sarebbe stato sufficiente essere più attenti e seguire il protocollo per salvare la vita del neonato, il piccolo Salvatore Aron è morto per una leggerezza. Se la patologia di cui soffriva fosse stata diagnosticata in tempo e il personale avesse controllato il funzionamento della culletta termica non si sarebbe spezzata una giovanissima vita».

È il duro atto di accusa del pubblico ministero Manola Cellura che ha chiesto la condanna dei tre medici dell’ospedale San Giovanni di Dio, accusati di omicidio colposo. Si tratta della ginecologa Maria Concetta Rotolo, 60 anni; di Antonino Cutaia, 61 anni, pediatra in servizio al reparto di neonatologia, e dell’infermiere Giovanni Moscato, 50 anni.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X