CARABINIERI

Tentata rapina in un bar, sorvegliato speciale arrestato a Grotte

di

GROTTE. Un sorvegliato speciale racalmutese è entrato in un bar di Grotte armato di pistola e ha tentato una rapina. Poco dopo le 19 Vincenzo Milioto,di 38 anni,  ha fatto irruzione in un bar del centro in quel momento affollato di persone. L’uomo si è avvicinato alla cassiera mostrandole una pistola che teneva nella cinta dei pantaloni, per  farsi consegnare l’incasso del bar.

Ma alcune persone presenti  si sono accorte di quanto stava accadendo e hanno fatto in modo che l’uomo scappasse. E’ scattata la segnalazione ai carabinieri che sono intervenuti sul posto, riuscendo attraverso le prime descrizioni dei testimoni a capire chi fosse la persona da ricercare. I carabinieri ad un posto di blocco in corso Garibaldi a Racalmuto, hanno sorpreso Milioto.

L’uomo ha tentato la fuga, opponendo resistenza ai militari, ma è stato bloccato. Durante la perquisizione, è saltata fuori una pistola, fissata alla cinta dei suoi pantaloni. Si tratta di una beretta calibro 9, con  cartucce e la matricola abrasa, ancora con il colpo in canna e dunque pronta a sparare.

Per Milioto sono scattate le manette con l’accusa di tentata Rapina aggravata, porto e detenzione abusiva di pistola, resistenza a pubblico ufficiale, con l’aggravante di aver violato le prescrizioni della sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno nel comune di Racalmuto. Milioto è stato portato nel carcere di Agrigento.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X