IL DATO

La differenziata ad Agrigento oltre il 61%, ma resta il degrado

AGRIGENTO. La raccolta differenziata cresce. Nonostante la presenza di recalcitranti e incivili che continuano a trasformare gli angoli del centro e gli slarghi delle periferie in discariche a cielo aperto, Agrigento – al 31 marzo – è arrivata al 61,93 per cento di raccolta differenziata. Lo scorso 28 febbraio, praticamente poche settimane dopo che era stato avviato il «porta a porta» in tutta la città, era, invece, al 37,40 per cento.

«Questo dato dimostra che la stragrande maggioranza degli agrigentini aspettavano e vogliono fare la raccolta differenziata – ha commentato, ieri, il sindaco Lillo Firetto - . Ed è un dato che crescerà non appena partiranno completamente le grandi utenze». Resta però, ed è sotto gli occhi di tutti, il degrado urbano – determinato dalle piccole e grandi discariche a cielo aperto – specie in un momento in cui la città è invasa da turisti. Le multe da 600 euro, elevate dalla polizia municipale che utilizza oltre alle auto civetta anche delle telecamere nascoste, continuano a fioccare. Ma non sembra bastare.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X