INDAGINI

Omicidio dell'imprenditore agricolo a Licata, la vittima avrebbe tentato di fuggire

di

LICATA. Emergono nuovi particolari sull'omicidio di Angelo Carità, imprenditore agricolo di 61 anni, condannato all'ergastolo e ucciso il giorno di Pasquetta a colpi d'arma da fuoco a Licata nei pressi di via Palma.

Uno dei dettagli che agli inquirenti sembra più rilevante è che la vecchia Fiat Uno di Carità, condannato per l'omicidio di Giovanni Brunetta e il libertà per scadenza dei termini, aveva la retromarcia ingranata, quindi avrebbe tentato la fuga, probabilmente dopo aver visto arrivare il killer.

Sul corpo di Carità, intanto, è stata eseguita l'autopsia, anche se è certo che a ucciderlo siano stati due colpi sparati al volto.

Le indagini sono condotte dai carabinieri della Compagnia di Licata e coordinate dal sostituto procuratore Simone Faga: sono stati sentiti i familiari, amici e conoscenti dell'uomo. Al momento, però, non ci sono indagati.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X