CUA

Università di Agrigento in crisi ma Di Maida rassicura: "Il Consorzio non chiuderà"

di

AGRIGENTO. Nessun requiem. L’università di Agrigento è viva e vegeta. Parola di
Giovanni Di Maida, il vice presidente del Consiglio d’amministrazione del Cua, il consorzio universitario agrigentino che non si reputa preoccupato per le sorti della struttura culturale.

«Se l’Università di Palermo ha deciso di disimpegnarsi dal Polo di Agrigento – dice Di Maida – è solo un scelta di cui prendiamo atto. Del resto è da
tempo che assistiamo a questa scena. Sono state chiuse facoltà importanti e si pensa ad accentare a Palermo altri corsi, ma sono state decisioni prese in autonomia dal rettore e dall’Ateneo. Con Palermo c’è un contenzioso che va avanti da tempo e loro hanno fatto le scelte che hanno ritenuto opportuno fare. A noi del Polo di Agrigento
– aggiunge Di Maida – dispiace assistere a questo depauperamento, ma dall'altra parte non possiamo stare fermi ed assistere alla morte dell’università nella nostra città. Università che non chiuderà».

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X