CONTRADA PETRUSA

Favara, il pentito Quaranta e la moglie a giudizio per abusivismo

di
abusivismo favara, Giuseppe Quaranta, Agrigento, Cronaca
Giuseppe Quaranta

FAVARA. L’ex capo della famiglia mafiosa di Favara, Giuseppe Quaranta, debutta in aula nella sua nuova veste di collaboratore di giustizia. Lo ha fatto ieri mattina, davanti al giudice monocratico Giuseppe Miceli, anche se, di fatto, il suo nuovo status di «pentito» ha costretto a un rinvio per motivi di sicurezza.

L’esordio di Quaranta in questa veste è per un fatto del tutto minore: nell’ottobre del 2014 i carabinieri lo hanno denunciato per costruzione abusiva perché, nella sua abitazione di campagna di contrada Petrusa, al confine fra Agrigento e Favara ma nel territorio del capoluogo, è stato scoperto un abuso edilizio.

I militari hanno fatto un sopralluogo nella villa e hanno trovato una piattaforma di calcestruzzo di 110 metri quadrati del tutto abusiva che Quaranta e la sua famiglia avrebbero forse destinato a veranda senza, però, potere completare l’opera. Insieme a Quaranta è stata denunciata la moglie Carmela Signorino Gelo che avrebbe commissionato i lavori; Giovanni Graceffa il titolare dell’impresa che gli ha fornito il calcestruzzo, l’autista dell’impresa Pietro Martello e un operaio, Calogero Maglio, 50 anni di Favara.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X