SANITA'

A Canicattì altri due casi di tubercolosi

di

CANICATTI'. Nuovi casi di tubercolosi si sono registrati all’ospedale Barone Lombardo di Canicattì. Dopo quello di una giovane donna, di origine romena, che lo scorso 8 febbraio era stata ricoverata al nosocomio di contrada Giarre e posta in «isolamento» come da procedura, una volta fatta la diagnosi che ha dato esito positivo, nei giorni scorsi sono stati almeno due i casi che si sono presentati all’attenzione dei medici che operano nella struttura sanitaria canicattinese.

Immediatamente la direzione sanitaria dell’ospedale, attualmente affidata al dottor Giuseppe Augello, ha informato i vertici dell’Asp di Agrigento, ed è stata inoltrata richiesta di ricovero in strutture sanitarie dotate del reparto per le malattie infettive e rianimazione. Che a Canicattì non esistono in pianta organica.

Ma dalla ricerca fatta è emerso che non c’erano posti in ospedali con queste caratteristiche e quindi i pazienti sono stati trattenuti e posti in isolamento. E subito dopo trasferiti ad Enna e Catania.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X