OSPEDALE

Dopo 26 mesi i bimbi tornano a nascere a Licata, la mamma arriva dalla Germania

di

LICATA. Per 26 lunghi mesi non si è sentito nessun «vagito» al reparto di Ostetricia dell’ospedale «San Giacomo d’Altopasso» di Licata, a causa della sospensione dei parti avviata dal decreto Lorenzin che dal 31 dicembre 2015 ha di fatto impedito ai bambini di venire alla luce nel nosocomio licatese. Adesso il reparto, dopo una serie di accorgimenti ed adeguamenti è stato riaperto e si è visto il primo fiocco. È azzurro, perché il bambino è un bel maschietto, che pesa tre chili e 200 grammi per 55 centimetri di altezza.

Si chiama Gabriele ed è figlio di Vincenzo Incorvaia e Maryjo Zirafi, una giovane coppia di coniugi licatesi, trasferiti per motivi di lavoro in Germania. I due genitori, una volta saputo che al reparto di Ostetricia del «San Giacomo d’Altopasso» c’era la possibilità di partorire, e vista l’immediatezza dell’evento hanno deciso di tornare a Licata per dare alla luce il loro primogenito, Gabriele.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X