Cani avvelenati, animalisti in corteo a Sciacca: chiesta taglia per i killer

SCIACCA. Animalisti in piazza a Sciacca. Il centro storico oggi ha fatto da scenario alla manifestazione promossa dopo l’avvelenamento di una trentina di cani randagi in contrada Muciare.

A sfilare in corteo nelle vie del centro storico sono state circa trecento persone, giunte nella cittadina da ogni parte della Sicilia, a protestare contro i ritardi degli enti pubblici nei confronti delle necessarie misure volte a fronteggiare l'emergenza randagismo. A

lla manifestazione non c'è stata l'adesione della gente del luogo, che si è limitata ad una rappresentanza di poche decine di attivisti delle associazioni di tutela degli animali. Nei giorni scorsi ci sono state polemiche e insulti sui social network sia nei confronti del sindaco Francesca Valenti, sia della cittadinanza tutta.

"Vogliamo giustizia, chi ha ucciso i randagi deve essere individuato", ha detto Salvatore Libero Barone, responsabile dell'organizzazione del corteo di oggi.

Sul responsabile dello sterminio intanto continuano le indagini a caccia dei responsabili e c’è anche chi lancia l’idea di una taglia da 50 mila euro per trovarli. E' il caso del segretario nazionale del Codacons Francesco Tanasi.

Foto e video di Piero Longo

 

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X