IMMIGRAZIONE

Ancora tensione a Lampedusa, nuova protesta di tunisini

LAMPEDUSA. A fine gennaio, una cinquantina di migranti per un paio di giorni, stazionò sulle gradinate della chiesa Madre di Lampedusa. Rifiutavano cibo e acqua e, poi, quale estrema forma di protesta, alcuni di loro – complessivamente una decina - si fecero cucire, da altri connazionali, le labbra con ago e filo.

Ieri, a partire dal primo pomeriggio, un gruppo di tunisini – anche in questo caso una cinquantina di persona – si è radunato su molo Favarolo. Hanno urlato e cercato di richiamare l’attenzione. Chiedevano di lasciare l’hotspot di contrada Imbriacola e di essere trasferiti in altre strutture d’accoglienza. Scontata, naturalmente, anche se non platealmente manifestata, la loro paura di essere rimpatriati in Tunisia.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X