MAFIA

Processo Icaro ad Agrigento, il pentito Di Gati: "La famiglia Marrella era con cosa nostra"

di

AGRIGENTO. «Non ho mai conosciuto i Marrella ma Giuseppe Fanara, mio padrino di battesimo e capo provincia di cosa nostra per un periodo, mi disse che facevano parte di cosa nostra». Maurizio Di Gati, l’ex capo provinciale delle famiglie mafiose agrigentine, dopo alcuni anni di «oblio», inevitabili visto che le sue conoscenze si fermano a dodici anni fa, torna a deporre al tribunale di Agrigento per la seconda volta a distanza di una settimana.

Lo ha fatto, ieri mattina, al processo scaturito dalla maxi inchiesta Icaro che, nel dicembre del 2015, ha disarticolato le cosche nella loro, ennesima, fase di riorganizzazione successiva all’operazione Nuova Cupola. Di Gati è apparso di spalle, collegato da un sito riservato, con un giubbotto a coprirlo interamente anche in testa. In ogni caso la figura appare decisamente più magra rispetto alla sua ultima foto ufficiale.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X