MIGRANTI

Accoltellarono connazionale all'hotspot di Lampedusa: arrestati due tunisini

LAMPEDUSA. Ha semplicemente cercato di difendere la moglie. Una donna che sarebbe stata vittima di un tentativo di violenza sessuale. Inevitabilmente, il tunisino ventiquattrenne si è scagliato contro i due che tentavano il violento approccio.

È stato però accoltellato e rimanendo gravemente ferito è stato trasferito all’ospedale «Civico» di Palermo. A distanza di giorni da quel 9 febbraio scorso, quando appunto si verificò l’accoltellamento all’interno dell’hotspot di contrada Imbriacola a Lampedusa, emergono nuovi particolari sull’ultimo, in ordine di tempo, inquietante episodio verificatosi nella struttura di prima accoglienza e identificazione per migranti. A fermare i sospettati del tentato omicidio – due tunisini di 25 e 33 anni – sono stati i poliziotti della Squadra Mobile della Questura di Agrigento.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X