IL PROCESSO

Truffa sui farmaci ad Agrigento, pazienti chiamati a testimoniare

di

AGRIGENTO. «Non sono mai andato nella farmacia Terrana di Porto Empedocle. Ho avuto cinque infarti, il diabete e i trigliceridi. Vado a prendere i farmaci ad Agrigento vicino casa».

Un ottantaduenne di origini catanesi, che per definire il suo stato di salute dice di essere «funnuto» (fuso) mandando il tilt la pm romana Simona Faga (il presidente del collegio Antonio Genna le spiega il significato del termine dialettale), conferma implicitamente la tesi dell’accusa: l’anziano paziente del medico imputato Carmelo Amato sarebbe stato utilizzato, a sua insaputa, per giustificare la fuoriuscita di medicinali dalla farmacia di Mario Terrana che poi, sottobanco, sarebbero stati rivenduti nella parafarmacia riconducibile sempre all’empedoclino, figura chiave dell’inchiesta sulla presunta truffa nella vendita dei medicinali e finito, il 10 aprile di quattro anni fa, agli arresti domiciliari.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X