CUA

Università Agrigento a forte rischio: non ci sono più corsi attivi

di

AGRIGENTO. Agrigento capitale della Cultura 2020: sono tante le iniziative in cantiere per sostenere la candidatura della città, inserita nella short list dei 10 Comuni che ambiscono al titolo. Ma mentre si fa un gran parlare della nomination cala il silenzio più totale sul Polo universitario.

Il Cua rischia il default, per dirla con un termine nuovo e in voga, con un significato negativo, non solo dal punto di vista etimologico della parola, ma per le ricadute che ha sul territorio, sempre più privato di ogni speranza.

Il Consorzio universitario, affidato prima all’avvocato Gaetano Armao, attuale assessore regionale all’Economia ed attualmente amministrato dall’esperto economista Pietro Busetta, rischia di morire perché non ci sono più corsi di laurea attivi.

Palermo, l’università centrale, ha tagliato quello che poteva essere tagliato, cioè tutto: architettura e giurisprudenza e adesso sono agli sgoccioli anche i corsi di studio in beni culturali (accentrato a Palermo), servizio sociale (triennale) e Archeologia (magistrale).

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X