ECCELLENZA

Tante emozioni, ma tra Canicattì e Licata è pari

di

CANICATTI'. Un pareggio senza reti tra Canicattì e Licata ma non significa che i circa 1.500 tifosi che si sono presentati allo stadio Carlotta Bordonaro, si sono annoiati. Tutt’altro. Sugli spalti c’era solo la tifoseria di fede biancorossa perché ancora una volta la gara è stata vietata, dall’osservatorio sportivo istituito presso la Prefettura di Agrigento, ai residenti a Licata.

Un grande spettacolo coreografico e cori di incitamento per tutti i 100 minuti (recupero compreso) per il Canicattì di mister Seby Catania. Stadio ammutolito, nel finale, quando Francesco Maggio su punizione fa tremare la traversa all’incrocio con il palo. Se quella palla fosse entrata staremmo a parlare di un’altra partita. Ma la storia del calcio non si fa con i se e con i ma e nell’almanacco del calcio dilettantistico resta segnato il risultato di zero a zero al triplice fischio finale.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X