ABUSIVISMO

Licata, chiesta la prelazione sui terreni confiscati

di

LICATA. Una delegazione del Comitato per la Tutela della casa di Licata, che raccoglie una ottantina di ex proprietari di abitazioni abusive già demolite, ha incontrato in municipio l’esperto in materie contabili e finanziarie, il Domenico Raineri, per discutere della questione della vendita dei terreni su cui insistevano i manufatti abbattuti dalle ruspe.

Non era presente il commissario Maria Grazia Brandara a causa di un attacco influenzale. Stabilire il prezzo di vendita dei terreni confiscati agli ex proprietari che hanno costruito immobili abusivi entro la fascia dei 150 metri dalla battigia e dare loro la possibilità di prelazione sono stati gli argomenti all’ordine del giorno. «Abbiamo voluto affrontare la questione della vendita dei terreni dove erano ubicate le case demolite – dice Gianluca Mantia, portavoce del comitato. Inoltre abbiamo parlato della sanzione finanziaria inflitta agli abusivi e la copertura finanziaria reale delle gare d'appalto per le demolizioni. Il comitato ha chiesto al Comune l'esercizio del diritto di prelazione sul riacquisto dei terreni da parte degli ex proprietari a prezzo simbolico e non alla spropositata cifra di 15 euro al mq, non corrispondente al mercato poiché non edificabile».

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X