"A Palermo non ci sono più persone affidabili": i clan di Agrigento puntano a Corleone - Le intercettazioni

AGRIGENTO. Le cosche agrigentine non si fidano della mafia palermitana: "A Palermo non ci sono più persone affidabili", si legge nelle intercettazioni (riprese nel video) dell'operazione dei carabinieri denominata "Montagna", che ha portato all'arresto di 56 persone, appartenenti a ben 16 famiglie mafiose della provincia di Agrigento.

Dalle intercettazioni emerge una certa "sfiducia" nei confronti dei clan di Palermo: "I palermitani sono come sono... le persone c'erano, ce n'erano una decina di affidabili. La provincia di Agrigento è più seria"

"Io posso arrivare fino a Corleone - si legge ancora nelle intercettazioni -, dove ci sono persone con la testa sulle spalle, che ti dicono una cosa ed è una cosa".

Si danno anche delle "dritte" su come gestire le estorsioni: “Ci sono certi negozi che vogliono fatto lo sconto. Se dobbiamo prendere sempre il coltello sa quelli che fanno? Saltano il vallone e se ne vanno dall'altra parte. In sostanza ci deve essere la molla... stringi e allarghi".

© Riproduzione riservata

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X