AMMINISTRAZIONE

Sambuca, cita in giudizio il Comune per una caduta ma perde la causa

di

SAMBUCA. Una donna di Sambuca perde l’equilibro e cade, mentre si trova al mercato del paese, a causa di una perdita idrica da un tombino. Riporta una frattura al polso e si rivolge prima al giudice civile del Tribunale di Sciacca e poi alla Corte di Appello di Palermo per ottenere un risarcimento di 8 mila euro. Sia in primo grado che in appello, però, la richiesta viene rigettata. Secondo i giudici la quantità d’acqua fuoriuscita era esigua e inidonea a rendere l’asfalto scivoloso.

Così ha deciso la prima sezione civile della Corte di Appello di Palermo. Si è costituito nel giudizio il Comune di Sambuca, rappresentato dall’avvocato Valeria Maggio.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X