COMUNE

Tangenti a Campobello di Licata, scattano due licenziamenti

di

CAMPOBELLO DI LICATA. Il sindaco lo aveva annunciato lo stesso giorno del loro arresto: «Se ci saranno i presupposti procederemo al licenziamento dei due dipendenti comunali coinvolti nella vicenda di concussione». E a distanza di 4 mesi, Gianni Picone, capo della giunta comunale di Campobello di Licata, ha mantenuto la parola.

Alla conclusione del procedimento disciplinare, con due distinti atti deliberativi della giunta, sono stati licenziati: il dipendente Francesco Gioacchino La Mendola, 48 anni ed il funzionario del settore «Ambiente», Giuseppe Nigro, 49 anni, attualmente agli arresti domiciliari per aver chiesto – secondo l’accusa – una tangente da 3.000 euro ai titolari della società Omnia srl di Licata, Valerio Peritore ed Angelo Incorvaia, per sbloccare il pagamento di una fattura da 8 mila euro per alcuni lavori di bonifica ambientale eseguiti per conto del Comune di Campobello.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X