TRIBUNALE

"Botte e abusi sulla cognata", chiesto il processo per un agrigentino

di

AGRIGENTO. Botte e abusi ai danni della cognata che reagisce colpendolo alla testa con un cellulare e riuscendo, forse, a evitare il peggio. La ragazza, all’epoca diciannovenne, riesce a fuggire a racconta tutto alla polizia che lo denuncia.

Quasi undici anni dopo i fatti per un noto pregiudicato, 44 anni, nel frattempo più volte arrestato e condannato anche per fatti analoghi oltre che per droga e truffa, è stato chiesto il rinvio a giudizio.

Il pubblico ministero Santo Fornasier, trasferito da alcuni mesi, prima di lasciare l’ufficio con destinazione Ragusa, ha chiesto il rinvio a giudizio del quarantenne per una vicenda che risale al lontano 2007. A decidere se accogliere o meno la richiesta di mandarlo a processo, sempre la difesa, affidata all’avvocato Luigi Troja, non dovesse chiedere riti alternativi, sarà il giudice dell’udienza preliminare Stefano Zammuto.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X