IMMIGRAZIONE

La diocesi di Agrigento partecipa al progetto "Corridoi umanitari"

AGRIGENTO. Agrigento accoglie. Lo ha sempre fatto, aprendo le sue porte agli extracomunitari che giungono sulle sue coste. Adesso, però, lo farà anche in maniera diversa. Perché la Diocesi di Agrigento partecipa al progetto «Corridoi umanitari», nato dall’accordo tra lo Stato italiano, la Conferenza episcopale italiana e la comunità di Sant’Egidio.

Un progetto che servirà per dare un porto sicuro ai migranti che hanno diritto ad essere riconosciuti beneficiari di protezione internazionale. Un progetto che potrebbe, concretamente, aiutare ad arrestare ulteriormente i «viaggi della speranza».

La Diocesi di Agrigento - sui complessivi 500 richiedenti protezione internazionale che verranno selezionati - accoglierà 6 persone. Sei uomini o donne che verranno ospitati – per un anno - direttamente dalle famiglie agrigentine o dalle parrocchie.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X