IL CASO

«Terravecchia», un progetto di recupero naufragato

AGRIGENTO. Non soltanto il progetto «Terravecchia» è fermo, e da tempo ormai. Ma il sogno di riqualificare quella porzione del centro storico - con l'omonima società consortile – sembrerebbe essere ormai svanito. La società a responsabilità limitata «Terravecchia di Girgenti» ha chiesto, infatti, lo scorso novembre, al tribunale di Agrigento di dichiarare risoluto il contratto d'appalto, stipulato con il Comune, per il «Programma di riqualificazione urbana per alloggi a canone sostenibile ricadenti all'interno del piano particolareggiato del centro storico» e di, accertando l'inadempimento contrattuale del Municipio, di condannarlo al pagamento di 692.632,84euro.

Somma che è comprensiva anche del risarcimento danni per la perdita di chance con conseguente danno all'immagine. Il sindaco di Agrigento, Lillo Firetto, lo scorso novembre appunto, autorizzò la costituzione in giudizio del Comune, affidando l'incarico di difesa e rappresentanza dell'ente all'avvocato Rita Salvago che è funzionario specialista del primo settore di palazzo dei Giganti.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X