FESTA

Licata rinnova la tradizione per Sant'Angelo

di

LICATA. La tradizione vuole che l’undici gennaio di ogni anno si celebri la festa “invernale” di Sant’Angelo. Nel 1693, proprio l’11 gennaio, un violento terremoto colpì la Val di Noto e parte della Sicilia orientale ma risparmiò la città di Licata grazie all’intercessione del Santo Protettore, Sant’Angelo.

E anche quest’anno il rettore del Santuario, don Angelo Pintacorona ed i fedeli del Terz’Ordine Carmelitano hanno predisposto un programma articolato di festeggiamenti che si snoderanno in tre giorni: il 10, l’11 ed il 12 di gennaio, dedicati al ricordo dell’intercessione di Sant’Angelo per impedire che Licata venisse distrutta dal terremoto. Si comincia mercoledì 10 di gennaio con il trasferimento dell’urna di Sant’Angelo dalla cappella all’altare maggiore che avverrà alle 18, dopo la recita del Santo Rosario delle 17,30. Qui la “vara” rimarrà per i tre giorni di celebrazioni. Sarà la giornata dei devoti. Alle 18,30 la celebrazione della messa animata dai soci dell’associazione “Pro Sant’Angelo”.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X