SERIE C

L’Akragas a Catania, testacoda da brividi

di

AGRIGENTO. «Le difficoltà ci potevano stare, erano tutte messe in conto visto che abbiamo allestito una squadra giovane e stiamo avendo tante difficoltà di altre natura ma non dobbiamo darci alibi. Serve una scintilla, una gara che possa farci cambiare rotta e in questo senso la trasferta di Catania può essere l’occasione giusta». Il direttore sportivo dell’Akragas, Ernesto Russello, prova a trasmettere ottimismo in vista della trasferta in casa del Catania.

Non scomoda la storia di Davide contro Golia ma, per tentare di far ritrovare l’orgoglio e la cattiveria smarriti dopo sei sconfitte consecutive, prova a rispolverare il recente passato. «Appena poche settimane fa – aggiunge Russello – ci siamo fatti rispettare sul campo del Lecce riuscendo a portare a casa un pareggio prezioso. Questo significa che la squadra è in grado di giocarsela contro chiunque e in gare di questo tipo non devi fare sforzi per trovare le motivazioni che vengono da sole. Sappiamo che giocheremo davanti a circa quindici mila spettatori ma tutto ciò ci motiva e non ci spaventa»

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X