IMMIGRAZIONE

Lampedusa, tensione all’hotspot: prima una protesta e poi una rissa

LAMPEDUSA. Prima la protesta, decisamente accesa, di un consistente numero di tunisini allarmati dall'eventualità del loro rimpatrio. Poi, la rissa fra migranti - sviluppatasi all'interno dell'hotspot di contrada Imbriacola - e due tunisini finiti, a causa delle ferite riportate nello scontro, al poliambulatorio di Lampedusa. Una rissa che sarebbe riconducibile non al ventilato rimpatrio, ma a nient'altro che a delle sigarette prestate da un migrante ad un altro e poi, a quanto pare, non restituite. Nemmeno su esplicita, e per niente diplomatica, richiesta.

Sono ore decisamente convulse, per i poliziotti della Squadra Mobile che 365 giorni all'anno si occupano anche dell'hotspot di Lampedusa. Gli agenti hanno avviato le indagini e stanno cercando, adesso, naturalmente, di fare chiarezza. I due fatti, verificatisi nel giro di neanche 12 ore, sembrerebbero però - e con un certo margine di certezza - non collegabili.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X