ABUSIVISMO

A Licata le ruspe per abbattono due villette

di

LICATA. Sono arrivate le ruspe a Poliscia, zona balneare di Licata attigua a Mollarella. Grazie alla disponibilità delle forze di polizia extraterritoriali, cioè poliziotti, carabinieri e finanzieri a supporto degli operai della ditta Patriarca di Comiso, sono riprese le demolizioni che interesseranno due edifici abusivi costruiti entro i 150 metri dalla battigia. Con queste demolizioni saranno 79 le villette sul mare abbattute dal 20 aprile dello scorso anno, quando è iniziata l’attività a cura della ditta Patriarca che ha vinto l’appalto bandito dal Comune.

E non è stato facile per la ditta Patriarca cominiciare ad operare, perché subito dopo aver abbattuto i primi immobili, al titolare della ditta edile, il geometra Salvatore Patriarca, era stata fatta recapitare una lettera con minacce di morte, tant’è che lo stesso imprenditore, impaurito, in un primo momento aveva deciso di rinunciare all’appalto.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X