IL CASO

Agrigento, anche i centri di accoglienza pagheranno la Tari

di

AGRIGENTO. Oggi sono equiparati a vere e proprie associazioni, ma la condizione delle tasse per i centri di accoglienza nella città di Agrigento potrebbe cambiare presto, e potrebbe richiedere anche gli arretrati.

L’idea, già annunciata nell’ultimo “question time” tenutosi ad ottobre, andrà in discussione al prossimo consiglio comunale che si terrà nell’aula Sollano del Comune di Agrigento, sicuramente dopo le elezioni regionali, e riguarda principalmente la Tari, la tassa sui rifiuti, che rappresenta una “zona franca” per i centri di accoglienza che ospitano i migranti, oggi presenti nella città dei templi, dei quali c’è poca contezza sulla loro superficie e sulle persone che abitano all’interno.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X