SERVIZI

Porto Empedocle, i netturbini non fermano la loro protesta

PORTO EMPEDOCLE. I netturbini, che reclamano il pagamento degli stipendi arretrati, anche ieri hanno tenuto le braccia incrociate. I cumuli di rifiuti lasciati sul marciapiede, davanti le abitazioni, si stanno trasformando in montagne.

Gli operatori ecologici, questa volta, pare che non abbiano nessuna intenzione di fare passi indietro e tornare a garantire la raccolta differenziata. La società "Realmarina", che ha in appalto il servizio a Porto Empedocle, ieri ha scritto al sindaco Ida Carmina, al prefetto Nicola Diomede e alla Procura della Repubblica di Agrigento. È stato spiegato, e nel dettaglio, quella che è la situazione economico-finanziaria delle imprese che ha portato al ritardo nel pagamento degli stipendi agli operatori ecologici.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X