POLIZIA

"Tengono in ostaggio assistente", due arresti ad Agrigento

AGRIGENTO. Hanno minacciato di morte, impugnando un coltello da cucina, l'educatrice della comunità per minori dove erano ospiti. La donna è stata anche trascinata e rinchiusa nell'ufficio, ma è riuscita a lanciare l'allarme, componendo il 113. Due i migranti, entrambi del Gambia, che si è scoperto poi non essere minorenni, che sono stati arrestati dalla polizia di Stato.

Dovranno rispondere delle ipotesi di reato di danneggiamento aggravato, violenza privata, minaccia aggravata e false dichiarazione alla polizia giudiziaria. Su disposizione del sostituto procuratore di turno sono stati portati alla casa circondariale di contrada Petrusa.

L'inferno nella comunità per minorenni "Il melogranno" è scoppiato nel pomeriggio di venerdì. I due ospiti sarebbero andati in escandescenze perché chiedevano, e con una certa insistenza, di essere trasferiti in un'altra struttura d'accoglienza.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X